12 giugno 2010 – Repubblica Bologna

Birra &riviste

12 giugno 2010 —   pagina 18   sezione: BOLOGNA

CI SONO tante ottime riviste, con autori esordienti, ma sconosciute, con una circolazione minima. Dobbiamo farle conoscere, organizzare un meeting per le riviste indipendenti. Ma dove? E come chiamarlo? Per il dove ci penseremo, per il nome dobbiamo trovarne uno accattivante, che dia vitalità. Il nome di qualcosa che piaccia a tutti. Tipo: Birra! Così, più o meno, è nato «B. I. R. R. A. », Bagarre Internazionale di Riviste Alternative. In un incontro al Salone del Libro di Torino tra Ivano Bariani, scrittore reggiano, della rivista FaM, e Andrea Ferrari, milanese, della rivista Eleanor Rigby. «Ci eravamo sentiti più volte via email, ma non ci conoscevamo di persona – spiega Ivano -. Un festival per conoscerci tutti quanti era necessario». E nel 2007 «Birra» va a Perugia per Umbria Libri, tanti portano le riviste, nasce un sito per fare un censimento. Poi arriva «Birra 2.0», itinerante, a Milano, Roma, Venezia, Verona, e a Bologna. Dove oggi e domani «Birra» torna, allo spazio autogestito Bartleby (in via San Petronio Vecchio 30). Una ventina di riviste, tra letteraturae fumetto, aprono i loro stand (alle 16), si confrontano in una tavola rotonda (alle 17) moderata da Sergio Rotino, e dalle 20 (anche domani) si «sfidano» con letture, presentazioni, proiezioni. Autori come Antonio Moresco, Tiziano Scarpa, Matteo Bianchi, le autoproduzioni di Innesto irreale, con libri illustrati in numero limitato, e testate come Il primo amore, Argo, Burp, Giuda, L’ aleph, Tina, Terre di mezzo, Letteraria, L’ accalappiacani. «L’ idea di riprendere e potenziare il Birra – spiegano da Bartleby – nasce dall’ interesse per la produzione culturale indipendente. Vogliamo capire come si esce dalla marginalità dell’ underground». E per iniziare in cantiere c’ è un sito e un’ emeroteca: «Pensiamo a un sito del Birra come raccordo e portale non limitato alle riviste che partecipano all’ evento. E ad un’ emeroteca per raccoglierle, archiviarle e renderle fruibili. Progetto ambizioso, che certo richiede finanziamentie sostegni». Per ora, un archivio con molte riviste esiste nelle cantine di Bariani e Ferrari, la cui apertura all’ emeroteca è totale, come l’ entusiasmo per la nuova edizione di «Birra», che per la prima volta ospita anche alcuni birrifici artigianali, tra cui Emiliano di Anzola e Vecchia Orsa di Crevalcore, per raccontare come nasce e si beve una birra fatta in casa, per un consumo critico e consapevole. © RIPRODUZIONE RISERVATA – ALBERTO SEBASTIANI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...